Taranto

Lo stabilimento siderurgico più grande d’Europa e tra i più grandi nel mondo

Il ciclo di produzione dello stabilimento di Taranto viene detto “ciclo integrale” perché parte dalle materie prime, principalmente minerali di ferro e carbone fossile, e si conclude con l’acciaio, che costituisce la spina dorsale di tutte le infrastrutture utilizzate nel mondo contemporaneo.

Inaugurato il 27 novembre 1964, lo stabilimento siderurgico di Taranto si colloca in una posizione di assoluta centralità nel sistema di produzione ILVA poiché, oltre ai prodotti finiti destinati al mercato nazionale ed estero, alimenta, tramite gli stabilimenti di Genova e Novi Ligure, ampi settori dell’intera industria nazionale, quali auto, elettrodomestici, energia, costruzioni, cantieristica, confezionamento ed imballaggio. Lo stabilimento di Taranto rappresenta non solo una risorsa strategica, ma anche un’importante realtà per l’economia regionale e nazionale.

Capacità produttiva nominale

8 milioni di tonnellate annue di acciaio

Produzioni principali

Coils laminati a caldo e decapati

Coils laminati a freddo

Coils zincati a caldo

Formati derivati da taglio

Certificazioni

Sistemi di Gestione per la Qualità: UNI EN ISO 9001:2008

Sistemi di Gestione per la Qualità: UNI ISO/TS 16949:2009 (prodotti destinati all'industria automobilistica)

Ambiente: UNI EN ISO 14001:2004

Sicurezza e Salute del Lavoro: BS OHSAS 18001 UNI/INAIL/ISPELS 2001

Ciclo produttivo

Ciclo produttivo